fbpx

Ristrutturazione Balconi

Bonus Facciate 2022: valido per la ristrutturazione balconi! 

Fra le agevolazioni fiscali relative all’edilizia, nel 2020 il Governo ha istituito il cosiddetto Bonus Facciate, valido anche per il 2022, che prevede una detrazione fiscale pari al 60% delle spese sostenute per lavori di ripristino delle parti esterne degli immobili che si affacciano su suolo pubblico.

Fra gli interventi edilizi  che possono usufruire del Bonus Facciate è compreso anche il rifacimento dei balconi, in quanto elementi architettonici visibili dalla strada, parte integrante del decoro urbano.

In pratica, ristrutturando i balconi, avrai diritto a una detrazione pari al 60% della somma corrisposta per i lavori e, in alternativa:

  • Potrai effettuare la cessione del credito corrispondente alla detrazione a soggetti terzi.
  • Potrai richiedere lo sconto in fattura sul corrispettivo dovuto

 

I balconi di Casa o del tuo Condominio hanno bisogno di essere ristrutturati? Non esitare a contattarci per richiedere un preventivo gratuito o ulteriori informazioni sui bonus destinati all’edilizia: il nostro staff di sarà lieto di consigliarti per il meglio!

Scrivici le tue esigenze

Balconi e terrazzi: prima o poi la ristrutturazione è indispensabile

Come tutti gli altri elementi edilizi esposti alle intemperie e al fisiologico degrado dovuto al tempo che passa, anche balconi e terrazzi vanno sottoposti a manutenzione periodica e, prima o poi, a interventi di ristrutturazione da effettuare su più fronti:

  • Risoluzione dei problemi di impermeabilizzazione del pavimento, causa di pericolose infiltrazioni d’acqua.
  • Spicconamento e successivo ripristino di elementi che rischiano di cedere e staccarsi dalla struttura (con tutto ciò che ne consegue a livello di responsabilità per danni a terzi).
  • Ripristino dell’intonaco di soffitti e pareti con successiva tinteggiatura
  • Manutenzione delle ringhiere, ove presenti.

Procedere alla ristrutturazione di balconi e terrazzi non è una una mera esigenza estetica: ripristinare la loro integrità strutturale vuol dire infatti renderli sicuri, per noi e per gli altri.

Evoluzione Edilizia - Foto e Clip
Evoluzione Edilizia - Foto e Clip (1)

Ristrutturare il tuo balcone senza ponteggi? Conviene!

Ristrutturare il balcone non vuol dire dover convivere per lunghi periodi con scomode, ingombranti e antiestetiche impalcature.

Grazie alla innovativa tecnica di edilizia su fune presa in prestito dagli alpinisti, gli operatori professionisti di Evoluzionedilizia sono in grado di raggiungere ogni elemento del tuo balcone senza la necessità di montare nessun tipo di ponteggio: arriveranno dappertutto con le  corde da arrampicata, anche nei punti della facciata meno agibili.

Ristrutturare il tuo balcone con la tecnica su fune ti garantisce:

  • Risparmio di denaro: zero costi di affitto, montaggio di ponteggi e occupazione del suolo pubblico.
  • Risparmio di tempo: i nostri operatori intervengono con precisione dove serve, a qualunque altezza e con estrema facilità.
  • Disagi al minimo: senza i ponteggi, potrai aprire le finestre del tuo appartamento e non rischierai che qualche estraneo si introduca in casa tua approfittando delle impalcature.

Compila ora il modulo

FAQ - Domande Frequenti

Generalmente, gli interventi eseguiti più frequentemente sono quelli di spicconamento e ripristino di frontalini e cornicioni, risoluzione di problemi inerenti all’impermeabilizzazione delle pavimentazioni, ripristino e successiva tinteggiatura dell’intonaco di soffitti e pareti, manutenzione delle ringhiere.

Per quando riguarda i classici balconi cosiddetti aggettanti, cioè quelli che sporgono dalla facciata degli edifici, le spese per la loro ristrutturazione spettano al proprietario dell’unità immobiliare di cui fanno parte, a meno che la manutenzione non riguardi le parti comuni che fanno parte del decoro architettonico dell’edificio, come frontalini, fregi e cornici, le cui spese andranno ripartite fra tutti i condomini, a seconda dei millesimi di proprietà.

Se i lavori riguardano le parti comuni dei balconi (come frontalini, fregi, cornici…) è necessario contattare l’amministratore affinché indica un’assemblea, durante la quale i lavori (a meno che non siano urgenti in quanto sussistano pericoli di caduta di intonaci e calcinacci) dovranno essere votati a maggioranza e poi suddivisi fra i condomini a seconda dei millesimi di proprietà.

La maggior parte dei vantaggi nell’effettuare interventi edilizi tramite tecnica su fune derivano dal fatto che non è necessario montare nessun tipo di impalcatura, con tutto ciò che ne consegue in fatto di libertà e sicurezza dei condomini, e di risparmio di tempo (montaggio e smontaggio richiedono svariate giornate) e denaro (l’affitto dei ponteggi e del suolo pubblico hanno costi non indifferenti).

Certo: tra gli interventi edilizi che possono usufruire del Bonus Facciate (detrazione fiscale del 60% sulle spese sostenute) è compreso anche il rifacimento dei balconi, in quanto elementi architettonici visibili dalla strada, parte integrante del decoro urbano.