fbpx

Impermeabilizzazione e coibentazione tetto: tutto quello che c’è da sapere

impermeabilizzazione coibentazione tetto

Spesso i non addetti ai lavori fanno confusione fra i due termini, ma la coibentazione e l’impermeabilizzazione del tetto sono due procedure diverse, con scopi differenti, anche se entrambe fondamentali per il comfort e l’integrità strutturale dell’edificio.

Impermeabilizzazione e coibentazione: quale intervento è indispensabile per il tetto?

Cominciamo innanzitutto facendo chiarezza su queste due procedure che molte volte vengono confuse tra loro:

  • Per impermeabilizzazione si intende l’intervento che ha lo scopo di impedire che l’acqua piovana entri all’interno dell’edificio attraverso il tetto.
  • Per coibentazione si intende invece il procedimento grazie al quale si isola il tetto a livello termico, per evitare dispersioni.

Un tetto mal impermeabilizzato è soggetto a infiltrazioni d’acqua che, oltre a creare umidità e muffe all’interno degli edifici, possono impattare in maniera molto negativa sulla loro struttura, compromettendone a lungo andare l’integrità.

Un tetto non coibentato, oltre a influire in maniera negativa sul comfort abitativo (l’edificio risulterà molto caldo d’estate e molto freddo d’inverno), contribuirà non poco ad aumentare i consumi relativi alla climatizzazione.

Va da sé che il tetto, il cui compito è quello di copertura e protezione degli edifici dagli agenti atmosferici, deve essere innanzitutto perfettamente impermeabilizzato: la stragrande maggioranza degli interventi eseguiti sul tetto ha proprio lo scopo di ripristinarne l’impermeabilizzazione.

Durante la procedura di impermeabilizzazione, si può procedere anche alla sua coibentazione (con tecniche e materiali diversi), per garantire un risparmio energetico non indifferente durante l’anno.

Impermeabilizzazione e coibentazione tetto: come procedere?

Innanzitutto prima di procedere con il lavoro è indispensabile un sopralluogo da parte di professionisti esperti, che valutino lo stato della copertura, la presenza di infiltrazioni e, soprattutto, la provenienza di queste ultime.

Gli interventi di impermeabilizzazione cambiano molto a seconda del caso concreto (stato del tetto, pendenza, presenza o meno di tegole…) e per essi ci si può avvalere di molti materiali diversi (guaine bituminose, malte impermeabilizzanti, coperture in PVC, membrane liquide…).

Gli interventi di  coibentazione consistono invece nell’inserimento, fra la copertura e la struttura del tetto, di specifici materiali isolanti (lastre di poliuretano, pannelli di lana di vetro, sughero, legno…).

I lavori da eseguire vanno valutati molto attentamente caso per caso: la scelta dei materiali e le tecniche di posa in opera sono  fondamentali per garantire ottimi risultati, durevoli nel tempo.

Qualora si decidesse di procedere all’impermeabilizzazione del tetto, sarebbe bene valutare anche l’eventuale coibentazione, che rientra fra gli interventi di efficientamento energetico che beneficiano dei bonus edilizi (Ecobonus 65% e Superbonus 110%).

Consenso*

Evoluzionedilizia: un tetto ben isolato è una garanzia per l’intero edificio

Gli operatori di Evoluzionedilizia (attivi a Roma e nel Lazio) sono specializzati in isolamento di tetti e coperture situati a qualunque altezza, e riescono a intervenire senza la necessità di montare ingombranti impalcature.

Grazie a tecniche prese in prestito dall’alpinismo, possiamo raggiungere  tutte le zone del tetto (anche le più inaccessibili), per risolvere qualunque problema di impermeabilizzazione  e coibentazione, garantendo interventi precisi e veloci, realizzati con materiali performanti e duraturi.

Le infiltrazioni minacciano l’integrità del tuo stabile? Il cattivo isolamento è causa di costose dispersioni termiche? Stai rimandando i lavori da tempo perché non sopporti l’idea di rimanere prigioniero di ingombranti, antiestetiche e costose impalcature?

Contatta i nostri esperti e richiedi un preventivo gratuito: saremo lieti di proporti la soluzione più idonea al tuo problema.